Archivi tag: PAN

MattinArte al Palazzo Delle Arti a Napoli

mattinarte-pan-palazzo-arti-napoli-il-mattino-mostra-150-loghi-d'artista‘Il Mattino’ propone una mostra d’arte contemporanea di 150 loghi d’artista, in collaborazione con l’Assessorato alla cultura del comune di Napoli, visibile dal 1 al 30 dicembre 2012 presso il Palazzo delle Arti (Pan) a Napoli. Un ciclo d’interventi realizzati da 150 artisti; tre anni di loghi firmati dai protagonisti della creatività ‘made in Naples’, famosi e giovani promesse uniti in un’unica mostra: Hermann Nitsch, Mimmo Jodice, Quintino Scolavino Carmine Rezzuti sono alcuni dei 150 loghisti proposti. 

Appuntamento al Pan, quindi, in via dei Mille; per l’inaugurazione della mostra presenti il direttore del giornale Virman Cusenza e molti degli artisti autori delle opere esposte. Previsto un concerto della Marco Zurzolo band.

I 150 loghi offerti per la pagina dell’arte del Mattino, caratterizzano il giornale in modo del tutto innovativo; portavoce di una linea artistica curata e sostenuta, tale iniziativa è una delle tantissime proposte a Napoli, per diffondere e promuovere l’arte in tutta la sua completezza.

 «L’iniziativa è frutto di un’idea nata tre anni fa quando ho pensato di differenziare il paginone dedicato all’arte con un simbolo sempre diverso. Il logo dell’arte è diventato, così, un appuntamento costante tanto da farci pensare ad una mostra per rivederli tutti insieme». Così parla il direttore de Il Mattino Virman Cusenza, in occasione dell’inaugurazione della mostra. Entusiasmo per il sociologo Luigi Caramiello, il pittore Gianni Pisani e la scultrice Rosaria Matarese.

L’artista Toni Stefanucci elogia a gran voce l’esposizione: “La mostra è bellissima, molto spiritosa, molto divertente, molto tutto, davvero raffinatissima anche perché vedo artisti fortemente ridimensionati che hanno operato finalmente nel modo giusto, direi che hanno fatto le cose migliori che potessero fare”. Soddisfatto anche il fotografo Mimmo Jodice, per lo spazio che la mostra riserva alla fotografia.

 La testata Napoli.acapo propone un dibattito d’arte contemporanea per rivedere i lavori che per tre anni, ogni sabato, hanno distinto le pagine de Il Mattino.

 

Annunci

Arte|Contemporanea

Suggestioni visive o strumentalizzazione politica?

A Napoli censurati manifesti pubblicitari dell’artista Sebastiano Deva

 

L’artista provocatore Sebastiano Deva di nuovo protagonista del mirino critico sociale. La sua esposizione pubblicitaria dal nome “Mystica”, ritrae una donna in un momento di passione sessuale che fa da sfondo ad una frase a carattere erotico di una Santa. Il sindaco Rosa Russo Iervolino li censura: troppo scabrosi per essere esposti. Come già avvenuto per le altre performance e mostre dello stesso Deva, anche in questo caso attira polemiche e disaccordi dal mondo contemporaneo in quanto temi delicati sono esposti in chiave fortemente provocatoria. In un’ intervista si difende dicendo che il suo lavoro consiste nel creare suggestioni poetiche portando avanti un elemento d’inquietudine quale, in questo caso, è l’erotismo e quindi è interessante vedere il modo perverso con il quale si vive il sesso oggi. L’idea del progetto è quella di comunicare un qualcosa attraverso la tecnica dello spiazzamento suggerito dall’ unione immagine – parola anche se non si hanno strumenti per capire di cosa si sta parlando. Proponendo una comprensione della sessualità in maniera più profonda e in modo del tutto diverso dal solito approccio sociale, la sua “opera” viene mal vista in particolar modo dal sindaco di Napoli che propone un’ ANSA per la sua censura. Forte polemica sul motivo scatenante per il quale il sindaco abbia preso tali provvedimenti in quanto, lo stesso Deva, sostiene che questo comportamento non è avvenuto in tutela alla laicizzazione del contenuto ma per un motivo puramente politico per difendere il partito al quale la Iervolino appartiene, strumentalizzando il suo operato. Insieme alla pubblicizzazione di queste immagini, l’artista rimanda alla performance streaming di “Mystica” nel quale il curioso spettatore può assistere alle particolari rappresentazioni proposte. Il progetto di “Mystica” nasce come reinterpretazione di antichi testi in cui vengono narrati atti di autoerotismo di Sante. Si fa riferimento a quelle poche mistiche italiane, per altro riconosciute anche dalla chiesa, che hanno avuto delle visione sacre di natura intellettuale, immaginaria o sentimentale. Secondo l’artista le mistiche sono state determinanti per la letteratura italiana in un momento in cui la letteratura non esisteva, inventando metafore, linguaggi e discorsi per esprimere ciò che vedevano e sentivano. Su questo tema, quindi, Deva racconta una visione immaginaria attraverso la semplice azione pubblicitaria che sfocia in un discorso molto più ampio: la trasformazione del pensiero in un corpo femminile che si contrappone alla concezione sociale del ruolo della donna vista in modo del tutto casto e casalingo. Di carattere religioso, l’opera attira critiche del mondo laico già viste nell’ esposizione precedente presso il PAN a Napoli che ha dato automaticamente voce al Vaticano stesso. In dubbio, quindi, il suo rapporto con la religione che giustifica definendosi un ribelle della fede.


corsoredattoriweb

A great WordPress.com site

onironaia

Il viaggio non richiede una spiegazione, ma solo dei passeggeri.

deangelislaura85

A fine WordPress.com site

Ginnasio Digitale

The greatest WordPress.com site in all the land!